I frutti del Natale: vaccini della natura

Melograno

Inspirato al seminario della Dott.ssa Ilaria Trezza “dieci regole per non ingrassare durante le feste”, ho deciso di prendere in esame un punto molto importante del corso, focalizzando però il mio intervento da un punto di vista preventivo in termini influenzali.
Secondo la Dott.ssa consumare regolarmente (e quindi non solo prima di un evento o se si cerca di dimagrire) frutta di stagione aiuta il nostro organismo a mantenersi attivo e di conseguenza si è meno predisposti ad ingrassare.
Ma vediamo quali sono, sotto il periodo di natale, i frutti di stagione raccomandati per prevenire raffreddori e comuni influenze.
Ippocrate, padre della Medicina, valutò il MELOGRANO nei suoi attenti ed approfonditi studi, come un frutto dalle virtù medicamentose, chiaramente dimostrate solamente nel corso degli anni seguenti.
Le proprietà benefiche del melograno ipotizzate da Ippocrate vennero poi successivamente confermate dalla Scienza Ufficiale: nel tentativo di accreditare queste ipotesi, vennero ascritti al melograno ulteriori poteri curativi. Il melograno infatti è ricchissimo di antiossidanti, vitamina C (un solo melograno ne contiene quasi il 20% dell’intero fabbisogno giornalieri di un uomo adulto), vitamina K, vitamine del gruppo B, proteine e carboidrati. E’ inoltre ricco di potassio, che aiuta a svolgere correttamente le funzioni cellulari, e anche di altri minerali, tra cui ferro, calcio, magnesio, fosforo e, in misura minore, manganese e zinco. Infine Il melograno ha anche pochissime calorie: circa 80 Kcal per 100 grammi di prodotto. Ma passiamo agli agrumi invernali: l’oro del natale!Questi meravigliosi frutti colorano il nostro natale non per caso; il loro ricchissimo potenziale di Vitamina C gli permette di entrare di diritto come uno dei primi vaccini naturali antinfluenzali di tutta la categoria.
L’ARANCIA
Il succo delle arance è abbondante, di sapore dolce-agro, gradevole, dissetante ed energetico per la presenza di vitamine, zuccheri e potassio. Le arance (che apportano 40 cal per 100 g) sono, inoltre, ricche di acido citrico, che è antiossidante, astringente e disinfettante; di vitamine C, che mantengono le regolari funzioni metaboliche e di vitamine del gruppo B, sali minerali e oli essenziali. Il frutto è fresco e aiuta nelle fragilità capillari, è sedativo e antinfiammatorio e, se consumato regolarmente, aiuta a prevenire le malattie da raffreddamento, mentre l’infuso di scorze di arancia favorisce la digestione.
IL LIMONE
Il limone, originario dell’Estremo Oriente, è un agrume con bassissimo apporto calorico (11 cal per 100 g), ma ricco di olio essenziale, acido citrico, acido malico, vitamina C, gruppo B e A, sali minerali (specialmente potassio) ed oligoelementi e la sua scorza contiene ghiandole oleifere. Le foglie del limone hanno caratteristiche molto importanti, sono ricche di idrocarburi terpenici e di alcune essenze aromatiche che conferiscono al limone la proprietà di calmante e antispastico. Per questo è consigliato a chi soffre di nervosismo, insonnia, palpitazioni, mal di testa o asma. Il limone, inoltre, è un agrume in grado di riequilibrare il metabolismo, ha proprietà antisettiche e astringenti. Pertanto consumato al mattino spremuto in acqua tiepida è un ottimo disinfettante sistemico. Sarebbe da aggiungere all’elenco anche mandarini, clementini e pompelmi ma mi dilungherei troppo, vi ricordo solo che anche tali agrumi hanno le medesime proprietà dei frutti sopra elencati.
Questi frutti infine possono essere consumati crudi, attraverso infusi a freddo, tisane, decotti o a secco. Non importa come, ciò che importa è che la frutta di stagione sia sempre alla base della nostra piramide alimentare personale, soprattutto in previsione del pieno inverno.
Questo ovviamente non vuol dire che sto consigliando di non fare il vaccino antinfluenzale, ma solo che la natura spesso ci aiuta attraverso i suoi frutti proprio quando ne abbiamo più bisogno....
Dott.ssa Bianchi Giorgia
Coordinatore infermieristico, Studio Infermieristico Bianchi

Articolo pubblicato sul Giornale locale INFO Dicembre 216 - www.giornaleinfo.it