Infermiere di famigliaA fronte dell’intasamento ospedaliero, causato dalla sempre maggior richiesta di assistenza da parte dei cittadini nei confronti del SSN, si  è visto necessario attuare un nuovo modello organizzativo che prevede la scesa in campo di professionisti con rapporto infermiere-paziente 1:1; differenziandolo dunque da quello ospedaliero, sempre più insoddisfacente.

Per cura domiciliare si intende una modalità di assistenza sanitaria, erogata al domicilio del paziente dove l'infermiere in collaborazione con il medico di famiglia, e altre figure professionali, operano a domicilio senza ricorrere al ricovero, garantendo confort e privacy; essa è destinata a persone con patologie trattabili a domicilio e finalizzata a favorire la permanenza del paziente nel proprio ambiente, salvaguardando le sue residue capacità di autonomia e di relazione.

Le cure domiciliari sono attivate, su richiesta del singolo cittadino interessato, tramite l’apposito modulo, presente presso lo Studio infermieristico e anche on-line. 

L’AIDI Prevede di applicare un modello d'intervento, secondo le linee guida dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, fatto d'azioni sinergiche tra medici, infermieri e professionisti sanitari per perseguire la promozione integrale della salute.

L’ ultima legge entrata in vigore l' 1 gennaio 2015 recita L'infermiere di famiglia: "aiuterà gli individui ad adattarsi alla malattia e alla disabilità cronica o nei momenti di stress, trascorrendo buona parte del suo tempo a lavorare a domicilio dei pazienti e con le loro famiglie. Tali infermieri danno consigli riguardo gli stili di vita ed i fattori comportamentali di rischio ed assistono le famiglie in materia di salute. Attraverso la diagnosi precoce, possono garantire che i problemi sanitari delle famiglie siano curati al loro insorgere. Con la loro conoscenza della salute pubblica, delle tematiche sociali e delle altre agenzie sociali, sono in grado di identificare gli effetti dei fattori socioeconomici sulla salute della famiglia e di indirizzarla alle strutture più adatte. Possono facilitare le dimissioni precoci dagli ospedali fornendo assistenza infermieristica a domicilio ed agire da tramite tra la famiglia ed il medico di base, sostituendosi a quest'ultimo quando i bisogni identificati sono di carattere prevalentemente infermieristico".

Per avere un preventivo clicca qui>>

Oppure contattaci, la prima consulenza è gratuita e senza impegno! un infermiere qualificato verrà a casa tua e valuterà la situazione, consigliandoti la giusta strada!